What's New

il Chorizo nella cucina messicana moderna

In molti sanno come la conquista spagnola ha cambiato radicalmente la cultura messicana, non solo in campo religioso e linguistico ma anche in campo culinario, questa volta la mia curiosità si riversa sul chorizo!

La cucina Messicana ha attratto la mia emozione, mi ha permesso di scoprire sapori che al principio non immaginavo, un esempio il Mole Poblano, c’è da dire però che è anche un misto di culture, partiamo quindi a parlare del Chorizo.

Parto con questo tipo di alimento, perché mi sono ritrovato a provare già dai primi giorni di visita in questo nuovo Paese, differenti piatti tipici sin dalla colazione, che avevano come ingrediente quello che è il chorizo.

Se ti sei ritrovat@ a visitare la spagna, provando la sua cucina o anche quella argentina, di sicuro avrai sentito o provato il chorizo, vediamo quindi di iniziare a comprendere cosa si intende con questa parola.

Il chorizo, è un termine derivante dal portoghese che indica i differenti tipi di insaccati a base di carne suina o bovina, speziati con paprica, ma in Messico si usa per indicare un tipo in particola.

Una parola che è entrata nel dizionario spagnolo e una abitudine alimentaria di quasi tutti i paesi espano parlanti.

Oh cavolo il chorizo non è spagnolo quindi!

Le origini sono tipiche della penisola iberica come Portogallo, Spagna, Gibilterra e Andorra, che successivamente sono entrate a far parte della cucina di alcune ex colonie spagnole, tra cui il Messico.

Dato che il Messico ha molta influenza ispanica a livello storico, questa si ripercuote anche sulla parte culinaria di questa splendida nazione.

La caratteristica principale del chorizo è che la carne di maiale non è macinata ma tritata, anche molto grossolanamente, viene condita con sale e paprica, per questo è possibile trovarlo dolce o piccante.

il Chorizo nella cucina messicana moderna What's New

Il suo colore si presenta rossastro ed è proprio la paprica a dare al “salame” il suo tipico colore rosso ed il suo caratteristico sapore.

Utilizzato in diversi piatti della cucina messicana, il chiorizo da un tocco particolare sia alla colazione, basti pensare a un piatto semplice come uova, o anche in piatti come zuppe, si può gustare anche come secondo piatto, accompagnato da patatine fritte o semplice insalata.

Particolarità di questo alimento, non è da confondere con la longaniza altro imbottito che potrai sentirti offerto in qualche ristorantino o osteria.

Per non dilungarmi riassumo la differenza come alimenti molto simili.

Entrambi sono salsicce di origine spagnola, carne di maiale condita con spezie, ma la sua presentazione è diversa.

Anche se i due sono confezionati in un budello pulito di maiale o involucro sintetico, tuttavia, il chorizo è legato in porzioni di circa 20 centimetri, mentre la longaniza è una striscia lunga e continua. Le proporzioni di carne e condimenti sono leggermente differenti tra loro.

La longaniza ti risulterà al palato molto più dolce del chorizo.

Mentre gusto la mia colazione di molletes con chorizo e pancetta, ti ricordo di seguire il blog per non perderti altre informazioni sulla Cucina Messicana e sui piatti che conoscerò in questa avventura di vita in Messico, che hanno nella ricetta questo alimento cosí particolare.

Vi lascio alla galleria immagini del Chorizo:

Ah dimenticavo, non perderti le prossime novità pubblicate ricevendo le notifiche in tempo reale seguendoci su TwitterFacebook , Pinterest o Instagram oppure segui le novità via RSS o tramite Canale Telegram!!!

Se ti è piaciuto questo articolo, ricorda che questo è un blog autosostenibile aiutami a tenerlo attivo, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, se invece volessi appoggiare con una donazione potrai farla tramite paypal.


About Author

Vorrei che il mondo fosse la mia casa, ma per il momento mi accontento delle mie esperienze di viaggio che comparto nel web. In fondo a tutti piace viaggiare e scoprire novità inerenti la all'estero, sia essa come turista o come scelta per la propria stabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.