Food and Beverage

Chinchayote, questo strano tubero

Una cosa che non facevo da tempo in Italia ma al contrario in Messico è ormai una routine settimanalmente, è quella di vistitare i mercati, quelli considerati popolari e di quartiere, perché è sempre un grande piacere, provare a parlare con i commercianti e le persone che vanno a fare la spesa, suggerendomi anche delle ricette da provare, questa volta mi hanno proposto uno stufato di pollo con chinchayote.

I mercati in Messico, sono luoghi che considero turistici, il perché sta nel fatto che sono un po’ i supermercati del popolo, forme artistiche di esporre la merce agli occhi dei compratori, ottimizzazione degli spazi, insomma una vera e propria vetrina di cultura e tradizione.

In più la differenza è che nella maggior parte delle volte è possibile incontrare una grande varietà di generi alimentari, che vengono proposte al pubblico a seconda della stagione, della posizione geografica dela città e dal tipo di cucina connessa alla tradizione popolare.

Il Messico è molto vasto e il mercato alimentare, in una buona percentuale, ti permetterà di scoprire differenti alimenti molto diversi o semplicemente conosciuti e utilizzati in modo differente.

I prodotti che si trovano nella sierra al nord dello stato di Puebla per esempio, saranno lontani da quelli appartenenti a una zona a sud o per esempio da un altro stato sulla zona costiera.

Chinchayote, questo strano tubero Food and Beverage

Chinchayote, un tubero che deve il suo nome dal Nahuatl, significa “ciò che è sotto la pianta del chayote”, un alimento che si produce in Messico, utilizzato in differenti pietanze.

Questa specificazione ci riporta a notare come troveremo el chinchayote in diversi stati della repubblica peculiarità che è conosciuto con nomi diversi, ecco alcuni esempi:

  • Michoacan: Huaras
  • Chiapas: Cuesa
  • Oaxaca: Chayocamote
  • Puebla e Veracruz: Chayoteste

Non è un tubero che si produce solo in Messico infatti lo troviamo anche in altre nazioni del sud America:

  • Guatemala: Ichintal
  • El Salvador: Chinta o Chintla
  • Honduras: Echinta o Patastilla,
  • Panama e Repubblica Dominicana: chayote Tayota

Poiché è una radice, nella maggior parte delle cucine viene utilizzata un po’ come facciamo con delle patate, quindi creando stufati di carne oppure come complemento in zuppe di verdura.

Il chinchayote è una radice che si presenta  di colore giallo pallido, può raggiungere fino a 3 chilogrammi di peso e ha caratteristiche ovoidali.

Ha una corteccia irregolare che è facilmente separabile dalla polpa con il raschiamento di un cucchiaio ed ha un sapore debole come la frutta.

Il suo interno è un po ‘più leggero, diventando bianco.

È formato da sottili strati minimamente separati l’uno dall’altro. E la sua stagione migliore è da febbraio ad aprile e da maggio ad agosto.

Se ti ritrovi ad avere sotto mano questo tubero, ti passo una ricetta che ti suggerisco provare:

Chilpozonte uno stufato da provare assolutamente

Ah dimenticavo, non perderti le prossime novità pubblicate ricevendo le notifiche in tempo reale seguendoci su TwitterFacebook , Pinterest o Instagram oppure segui le novità via RSS o tramite Canale Telegram!!!

Se ti è piaciuto questo articolo, ricorda che questo è un blog autosostenibile aiutami a tenerlo attivo, clicca su una delle pubblicità presenti nell’articolo, te ne sarei davvero grato, se invece volessi appoggiare con una donazione potrai farla tramite paypal.


About Author

Vorrei che il mondo fosse la mia casa, ma per il momento mi accontento delle mie esperienze di viaggio che comparto nel web. In fondo a tutti piace viaggiare e scoprire novità inerenti la all'estero, sia essa come turista o come scelta per la propria stabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.